Rome sweet Rome

Roma è una città che sa di condimenti e spezie, di pecorino grattugiato e pepe sparso con mano pesante, di pizze (la pizza romana è ben sottile) e sughi.

Forse è per questo che non esiste un dolce specifico che simboleggia la città, a parte il maritozzo con la panna (che comunque trovarlo buono non è facile).

Ardua è anche l’impresa di indicare posti dove mangiare un buon dolce, ad esclusione delle gelaterie.

Di pasticcerie storiche non me ne vengono in mente … ma negli ultimi anni alcune hanno conquistato i cuori dei romani:

Cristalli di Zucchero, ad esempio, pasticceria cult per chi ama i dolci creativi e curatissimi anche nell’aspetto estetico. Vi sono due sedi, una in via di Val Tellina 114, la sede storica in Monteverde, l’altra, più recente, al Circo Massimo (via di san Teodoro 88);

appena entrati l’occhio viene rapito da torte, mignon, macarons … gli  ingredienti sono ricercati e talmente ben assortiti che è un dispiacere pensare di distruggere tali opere per…divorarle!

Sì perchè la particolarità sta nel fatto che oltre ad essere bellissimi, questi meravigliosi dolci, sono anche strepitosi!

Rimanendo sulla fascia alta di prezzo, ma anche di qualità, se siete amanti del cioccolato, la antica fabbrica di cioccolato, Said, è il posto giusto!

L’antica fabbrica è stata convertita in pasticceria, ristorante, locale per aperitivi e sala da tè. Si mangia anche salato ma i dolci sono il pezzo forte.

Le antiche macchine della fabbrica fanno da arredo rendendo l’ambiente particolarmente raffinato.

Said è all’inizio della Tiburtina, in san Lorenzo.

 

Immagine

 

Luoghi IN: Piazza della Repubblica – detta anche Piazza Esedra

Arrivi a Roma in treno ed eccola li la bella Stazione Termini, il cui progetto attuale fu approvato nel 1939.

Caotica, chiassosa e al contempo piena di sorprese (al -1 ci sono un bel po’ di negozi da “esplorare”) insomma, la stazione è di per sè già un bel vedere.

Si potrebbe pensare, non è in armonia con l’antica Roma, ed  invece no, Termini li ci sta benissimo… andate ed ammiratela da piazza dei cinquescento, a debita distanza potete giudicare.

Sì perchè quando sei in Stazione Termini non capisci bene dove sei, tutti corrono, tutti hanno un treno pronto per partire e quindi è difficile guardarla con calma, con serena e rilassata oggettività!

E’ sufficiente allontanarsi di pochi metri per ritrovarsi a Piazza della Repubblica (detta anche Piazza Esedra).

Piazza della RepubblicaQuando arrivai io a Roma Piazza della Repubblica non era un granchè, ricordo che con una certa inquietudine passavamo di li per proseguire lo shopping su via Nazionale.

In realtà dal 1998 in poi molto è stato fatto, ed oggi Piazza della Repubblica è splendida!

La fontana (fontana della Naiadi)  è stata restaurata e pulita, la sera è illuminata ed è uno spettacolo, il cinema Moderno ha finalmente una programmazione decente, ed oggi passare di li è un bel vedere sia di giorno che di notte.

Li vicino è possibile accedere (di giorno) alle Thermae Diocletiani